home Racconti Ricordi (Raffaello Sanzio)

Ricordi (Raffaello Sanzio)

È sublime il volto ignoto

Nel tuo viso sconosco antiche storie

confine mi è

trasmesso con profondo sguardo e oltre

giudice del passato

l’aria leggera dei tuoi dipinti soffre all’anima mia

è forse quel sapor di nostalgia o forse desiderio d’esser?

ancor oggi respiro l’aria del tramonto mai stato

e, sublime penso…

e…m’inchino   …

 

 

di Franco Gemini

Condividi con i tuoi amici